Ubar, la città perduta dell’Oman

Dopo aver parlato dell’Oman ci piace raccontare di Ubar.
Da Shisr-Ubar si può andare sulle tracce della città perduta di Ubar e dei suoi reperti archeologici conservati in un interessante museo.
Imperdibile, se amate l’avventura, Il Wahiba , un vero deserto,anche se di piccole dimensioni,con belle dune ed accampamenti di beduini.

Ai naturalisti è consigliabile una puntata a Capo Ras Al Hadd , spiagge bianchissime e deserte dove vengono a deporre le uova centinaia di tartarughe.

L’Oman, con le sue barriere coralline, è ideale per praticare snorkeling e immersioni. Attrazioni turistiche interessanti sono le corse di cammelli, che riprendono un’antichissima tradizione, e i combattimenti di tori.

La regione settentrionale del Musandam , con le sue montagne scoscese, offre molti itinerari interessanti ai viaggiatori dotati di spirito di avventura. Questa penisola appartiene al territorio dell’ Oman, ma per raggiungerla bisogna passare attraverso gli Emirati Arabi Uniti. Un tempo inaccessibile a chiunque perchè sentinella militare sullo stretto di Hormuz, ora è aperta ai turisti purchè muniti di 4×4 e soprattutto di doppi visti ingresso-re-ingresso per Emirati ed Oman.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress