Quartieri e Luoghi di Barcellona

La capitale della Catalogna presenta quartieri assolutamente unici e spettacolari ed è uno dei suggerimenti più adatti per un blog di vacanze; si parte necessariamente dal centro storico, negli ultimi anni molto rivalutato e dove sono presenti i migliori alberghi a Barcellona.
La Ciutat Vella è la zona più antica: comprende tre quartieri, il Barri Gotic, il Barri Xino e la Ribera.
E’ il quartiere più antico della città dove rivivono gli splendori della civiltà medioevale; qui tutto ha un sapore antico che però ben si sposa con il modernismo tipico dei quartieri adiacenti.
Oltre alla cattedrale, sorgono un certo numero di palazzi, spesso in stile gotico, di grande interesse: il Palazzo Episcopale, la Casa de la Ciutat (il comune), la chiesa dei santi Just e Pastor, considerata la più antica di tutta la città, e la Casa Clariana-Padellàs, un palazzo in stile gotico, che ospita al suo interno il Museu de la Ciutat. Per chi adora il quartiere può scegliere di soggiornare fra i numerose hotel presenti nella zona.

E’ spettacolare soprattutto il groviglio di stradine che caratterizzano il centro dove trovano posto tantissimi negozi di ogni genere; in ogni caso, poco lontano, un’altra grande attrazione di questa zona è rappresentata dalle Ramblas.
Sono cinque in tutto e si susseguono tagliando in due la città; partono da Plaça de Catalunya, dove tra l’altro è possibile ammirare uno splendido giardino, per arrivare fino al monumento di Colombo, posto sul mare.
Lungo questa sucessione di viali, per una lunghezza totale di oltre un chilometro, si incontrano una miriade di bancarelle, spettacoli improvvisati e locali per tutti i gusti: questa è sicuramente la zona più affollata dai turisti e il simbolo stesso della città.
Da non perdere, passeggiando lungo la Ramblas, è la visita alla Plaça Reial, che si incontra sulla sinistra andando verso il mare: la piazzetta è quadrata, al centro c’è una bella fontana e lungo tutti i lati si estende un porticato dove trovano posto i tavolini (ovviamente d’estate) dei numerosi locali.

L’Exaimple è il quartiere di più recente costruzione, ma grazie alla moderna architettura ha saputo attirare l’attenzione dei turisti e degli stessi catalani di Barcellona.
In questo quartiere del resto trovano posto alcuni dei monumenti simbolo della rinascita di Barcellona: la Sagrada Familla e la Casa Milà entrambe ideate e create da Antoni Gaudì.
Durante la notte diventa una delle aree più vive e più “in” della città visto il gran numero di locali che affollano le sue strade.
La zona culturalmente e artisticamente più affascinante è stata denominata Quadrat d’Or e comprende una serie di edifici e palazzi caretteristici dislocati su un centinaio di isolati; in effetti è la zona dove in assoluto è concentrato il maggior numero di opere archittetoniche moderniste, una zona storicamente ricca costruita sul finire dell’800, quando Barcellona conobbe un’altra rinascenza.

Infine nella zona del porto si trovano edifici recentemente convertiti ad ospitare svaghi e divertimenti: il Maremagnum, il Palau del Mar, il Moll de la Fusta e il Port Olimpic dove trovano posto decine di locali, ristoranti e negozi.

Il Montjuic è una delle due colline che dominano Barcellona, posta vicino al mare è anche il quartiere maggiormente investito dalle Olimpiadi di Barcellona del 1992: qui trovano infatti posto la maggior parte degli impianti sportivi.
Questa collina rappresenta un luogo storicamente importante della capitale catalana: verso la metà del XVII secolo fu costruito una fortezza militare per sedare eventuali rivolte della popolazione di Barcellona.
Dismesso solo negli anni ’60, oggi accoglie un museo militare che ripercorre la storia e l’evoluzione degli eserciti e di tutto il mondo militare.

Tibidabo è l’altra collina di Barcellona: un po’ più lontana dal centro.
Data la posizione, il Tibidabo è un luogo ideale per un’escursione giornaliera: da qui è possibile ammirare tutta la città, dominandola dall’alto.
Oltre al Museu d’Automats, dove sono esposti vari giochi meccanici, trova posto anche un parco divertimenti, per la verità non troppo esteso.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress