Piazza Bra a Verona

Verona è una città passata alla storia per tanti motivi, primo su tutti quello di aver dato i natali ai due famosi leggendari eroi Shakespeariani che morirono per amore. Visitarla significa imbattersi nei tanti monumenti che ne fanno una delle città più interessanti d’Italia.
Sicuramente, Piazza Bra è tra le più belle del mondo, così com’è circondata da edifici di varie epoche che creano un’atmosfera assolutamente unica.

Tra i tanti palazzi, spicca il neoclassico Palazzo barbieri, all’interno del quale c’è la sede dell’Amministrazione Comunale.

Realizzato tra il 1836 e il 1848, quando la città era parte dell’Impero austriaco, Palazzo Barberi  fu concepito per ospitare i militari del Corpo della Guardia Civica.

La sua maestosità, data dal richiamo alle forme degli antichi templi ,  lascia allibiti.

Pesantemente danneggiato nel corso della Seconda Guerra Mondiale, l’edificio fu poi riportato agli iniziali splendori attraverso un’attenta opera di restauro che lo coinvolse interamente.

Sono molti gli hotel a Verona (vedi qui) che si trovano nei pressi del centro e consentono una comoda visita di tutta la città.

La struttura di Palazzo Barberi, che è un esempio perfetto di architettura neoclassica, è quella di un tempio greco, con il pronao e il grande frontone con lo stemma cittadino e il colonnato corinzio, dove si accede salendo un’ampia scalinata.

L’interno, quasi per contrapposizione ad una tale opulenza esteriore, è occupato da uffici piuttosto anonimi, anche se, in alcune stanze, sono conservate delle importanti opere d’arte.

La Sala di Rappresentanza, ad esempio, è arredata con dipinti di autori appartenuti ad epoche diverse, tra i quali si fanno valere due vedute di Piazza Erbe, una realizzata da Carlo Ferrari e l’altra da Angelo Dall’Oca Bianca.

Da visitare è anche la Sala degli Arazzi, nella quale albergano due bellissime tele del Tardo Cinquecento, una che raffigura la Cena in casa di Levi e l’altra dedicata alla  Vittoria dei Veronesi.

Delle due, quest’ultima fa parte di un ciclo pittorico voluto per decorare con gli episodi più importanti della storia cittadina le sale della Loggia del Consiglio in piazza dei Signori.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress