Luoghi di Roma: Terme di Caracalla

terme-di-caracalla

Tra i nostri viaggi a Roma, un itinerario che si rispetti e che non possiamo mancare è una visita alle Terme di Caracalla. Costruite tra il 212 e il 217 da Caracalla, figlio dell’Imperatore Settimio Severo, queste terme impressionano ancora oggi per le gigantesche strutture, che potevano ospitare fino a 1.600 persone. Il recinto esterno era costituito da un portico, del quale ad oggi non rimangono che scarsissimi resti.

Le terme si sviluppavano, secondo uno schema abbastanza diffuso all’epoca, intorno ad un ampio edificio centrale, circondato da spazi verdi, a cui si aveva accesso per mezzo di quattro porte che immettevano nell’ambiente laterale oppure in uno dei due ambienti a fianco della grande piscina, la natatio.

La distribuzione dei locali era quasi perfettamente simmetrica: al centro si trova la basilica, coperta da tre volte a crociera, il frigidarium, il tepidarium e il calidarium, mentre ai lati sorgevano la palestra, i vestiboli e gli spogliatoi.

Le terme di Caracalla smisero di funzionare nel 537, quando Vitige, re degli Ostrogoti, tagliò l’allaccio agli acquedotti.

Le due grandi vasche di granito, oggi presenti in Piazza Farnese, provengono dagli scavi qui effettati nel Cinquecento, duranti i quali vennero alla luce anche altri reperti tra cui il Toro e l’Ercole Farnese, conservati al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, e il mosaico con atleti, conservato ai Musei Vaticani.

Tutto il complesso presenta un dedalo di cunicoli sotterranei che ospitavano le stanze di servizio. Qui venne realizzato il mitreo delle Terme di Caracalla, il più grande mai rinvenuto, dove si riunivano i seguaci del Mitraismo, culto ellenico.

Arrivare a Roma è semplice grazie ai collegamenti quotidiani con i due aeroporti della città, quello di Roma Ciampino e quello di Roma Fiumicino. Dove sono disponibili rotte con Airone, Alitalia e numerose altre compagnie aeree. Entrambi gli scali offrono un ottimo servizio di bus verso il centro cittadino.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress