L’Oman e l’antica bellezza

L’Oman è un paese di origini antichissime, con una concezione completa del turismo: arte, cultura, natura, ma anche sport, avventura, divertimento e conoscenza, con l’orgoglio del suo passato e delle sue tradizioni. Gente cordiale, vestita con i costumi tipici, vi accompagnerà ovunque alla scoperta di questa bellissima terra.

Da visitare la capitale Muscat , un piccolo gioiello del mondo arabo, con i due forti portoghesi di Jalali e Mirani, le sue spiagge assolate, le sue viste incantevoli e i suoi giardini fioriti. L’aeroporto nazionale è collegato con molte capitali europee e rende il paese facilmente raggiungibile dal turismo occidentale.

In Oman esistono circa 400 tra forti e costruzioni fortificate realizzati da Portoghesi e Arabi, di cui il Governo ha ristrutturato e sta ristrutturando i più caratteristici. Oltre a quelli di Muscat sono assolutamente da vedere lo splendido Forte di Nitwa, quello di Bahla che si erge su 15 porte e ben 132 torrioni ed è stato dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Ancora, il Forte di Jabrin , Al-Hazm ( architettonicamente il più interessante), quello di Rustaq , il forte bianco di Sohar e di Nakhal , sicuramente il più suggestivo, immerso nel palmeto che verdeggia nell’ oasi di A’Thowarah,ricca d’acqua tutto l’anno.

Altri luoghi di interesse nella regione sono Muttrah, con il suo rinomato Souq, il mercato del pesce e la corniche, il pittoresco villaggio di pescatori a Qantab, le cittadine di Bawsher e Seeb.

Il Dhofar è la regione all’estremo Sud, ai confini con lo Yemen dove si giunge dopo 1100 km di deserto e si trova una città di 300.000 abitanti, Salalah ,che sorge a pochi km da Khor Rouri, l’antico porto romano da cui partivano le navi cariche d’incenso per Qana in Yemen, proseguendo poi il viaggio lungo l’antica via dell’incenso verso Damasco e Roma.

Una strada, capolavoro d’ingegneria, scavata nelle montagne porta da Mughsail verso il confine yemenita raggiungendo dal mare 1000 metri di quota in pochissimi km e offrendo panorami superbi.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress