La costa sudorientale della Sardegna: da Muravera a Villasimius

La strada orientale, che collega Nuoro a Cagliari, si snoda tra paesaggi solitari, accidentati da colli e pendii, lungo i quali si assaporano i profumi tipici della macchia mediterranea, frammisti all’odore acre di una terra dura ed ostile. E’ difficile descrivere le sensazioni che si provano attraversando queste terre, dove all’orizzonte s’intravede sempre una nuova montagna, dietro un susseguirsi continuo di colline.

L’Orientale sarda costeggia il mare da lontano, quasi a voler dire che, in quest’isola meravigliosa, non ci sono solo spiagge e baie indescrivibili, ma anche un interno ricco di emozionanti panorami ed affascinanti testimonianze archeologiche, uniche nel loro genere e nella loro ardita semplicità. Dentro e fuori dunque: un tuffo nelle acque cristalline per poi addentrarsi in un entroterra carico di storia. Ed ecco allora che, oltrepassato il golfo dell’Ogliastra, passando per Villaputzu, da Muravera si giunge al villaggio di San Priamo, punto in cui l’Orientale si biforca ed il ramo di sinistra prosegue il suo percorso costiero fino a Capo Ferrato, da dove ha inizio la bella Costa Rei. Abbandonata quest’immensa spiaggia, lunga alcune decine di Km, è inevitabile deviare verso la zona interna, fino a raggiungere il Parco dei Sette Fratelli e poi il comune fantasma di Castiadas. Da qui si torna verso la costa e si prosegue in direzione sud, diretti all’estrema punta orientale dell’isola, percorrendo una strada che non sembra capirsi bene dove possa condurre: di giorno, il bellissimo percorso si snoda tra brulli paesaggi intrisi di fascino e lascia intravedere il mare con prospettive distanti e limitate; di notte, questa stessa strada è immersa nel buio assoluto e suscita nel viandante il sentimento contrastante della speranza di avvistare le luci di qualche abitato, da un lato, e, dall’altro, il desiderio di perdersi in questo buio raro, non vedendo altro che le luci delle stelle. Non preoccupatevi però: smarrirsi è pressoché impossibile. La strada conduce poco lontano, nel territorio dell’unico, relativamente grande, comune della zona, meta consigliata a tutti coloro che decantano le bellezze dei tropici d’oltre oceano, senza aver visto mai lo splendore di Villasimius e delle sue isole.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress