La città di Amsterdam

Ciò che colpisce di Amsterdam è il fatto di aver conservato il suo fascino “ da villaggio” pur essendo una delle città più visitate al mondo. Calpestando il suolo di quella che viene definita la città libertina per eccellenza, la sensazione che si prova è assolutamente rasserenante.

Sembra quasi di essere accolti in un caldo ventre materno, abbellito da fiori rossi e profumati, e sul quale regna una pace incontrastata.

Il fulcro di tutta la città è Piazza Dam, una distesa di ciottoli che è il luogo preferito dai turisti per trascorrere le loro serate e per fare un po’ di sano shopping.

Nella piazza di trovano due dei luoghi più visitati e più importanti di Amsterdam, il Palazzo Reale e il Nationaal Monument.

Il Palazzo Reale di Amsterdam fu costruito nel XVIII secolo come Municipio con lo scopo di testimoniare la Ricchezza della Repubblica Olandese e poi trasformato, nel 1808, da Luigi Bonaparte in Palazzo Reale.

Le bellissime sculture della facciata sono opera dal fiammingo Artur Quellijn, mentre le decorazioni interne dei soffitti sono di Ferdinand Bol, Jan Lievens, Jacob Jordaens e Govert Flinck.

Il palazzo è ancora utilizzato dalla famiglia reale, ma non è qui che la regina Beatrice risiede, anche se in alcune occasioni qui riceve ospiti importanti.

Nella maggior parte del tempo, il Palazzo Reale è aperto al pubblico e si possono, quindi, osservare da vicino i pavimenti in marmo, i magnifici dipinti, i grandi lampadari e l’esposizione annuale.

Amsterdam, anche conosciuta come la “Venezia del Nord”, è nota per i suoi canali, che si possono cavalcare a bordo di un battello, da dove ammirare i capolavori di ben cinque secoli di architettura.

Per immergersi in quest’atmosfera così variegata, ci si può affidare ai tanti voli last minute che le compagnie aeree italiane e non offrono a chiunque volesse visitare la capitale olandese.

Un altro consiglio utile per risparmiare, è prenotare i biglietti aerei con largo anticipo, godendo così di tariffe davvero convenienti!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress