I centri della provincia di Teramo

Dopo aver visto la città di Teramo andiamo alla scoperta dei luoghi della provincia.
Giulianova – Il Castrum novum dei Romani è oggi un’importante stazione balneare della riviera teramana, con porto peschereccio e turistico.
Atri – Una delle più famose città del mondo antico; da essa deriva il nome del mare Adriatico. Splendida la cattedrale di S. Maria Assunta, con affreschi rinascimentali di Andrea de Litio.

Civitella del Tronto – Il borgo medievale, caratterizzato da un’urbanistica gotica e tardo – rinascimentale, è sovrastato dalla Fortezza, ultima roccaforte borbonica prima dell’unità d’Italia.

Silvi – Centro balneare con un lido particolarmente curato. Dal belvedere si gode la vista di un ampio panorama della costa abruzzese. La cittadina è molto nota per l’industria della liquirizia.

Castelli – Paese conosciuto in tutto il mondo per l’antico artigianato della ceramica, ospita l’Istituto d’Arte ed il Museo delle ceramiche. La sua arte ha acquisito rinomanza soprattutto in età barocca con i fratelli Grue ed i Gentili.

San Gabriele – Sorto in un antico luogo di culto voluto da San Francesco d’Assisi, il Santuario di San Gabriele dell’Addolorata (patrono d’Abruzzo) è meta di continui pellegrinaggi.

La natura in provincia di Teramo

Laga – Dalle pendici dei Monti della Laga, ai confini con il Lazio e le Marche, nascono alcuni dei fiumi più importanti dell’Appennino, che danno vita a superbe cascate e ad una flora rara e mirabile. Nella foto, il Fosso dell’Acero.

Il lago di Talvacchia – Il lago di Talvacchia, nei pressi di Cesano e del confine marchigiano, offre un paesaggio incontaminato ed è meta ricercata per gli appassionati di pesca sportiva.

Il Gran Sasso – Il massiccio del Gran Sasso comprende la più alta vetta della catena appenninica: il Corno Grande con i suoi 2.912 metri. Notevole l’impatto visivo imboccando l’omonimo traforo, lungo oltre 10 chilometri.

Il Corno Piccolo – Il Corno Piccolo è una tappa d’obbligo per l’alpinismo nell’Italia centrale. Fa parte del più alto gruppo montuoso dell’Appennino, che si estende per oltre 35 chilometri.

I calanchi – La caratteristica conformazione dei calanchi può essere ammirata da Atri fino alle pendici del Gran Sasso. Colpisce il contrasto con la dolcezza del profilo collinare di altre zone del territorio teramano.

Prati di Tivo – Dominata dalle guglie del Corno Piccolo, la stazione sciistica di Prati di Tivo e quella attigua di Prato Selva rappresentano il meglio dello sport invernale in Abruzzo ed una ambita meta di villeggiatura durante la stagione estiva.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress