Città Cinesi: Seconda parte

Wuxi si trova sulla riva nord del lago Taihu , uno dei cinque laghi d’acqua dolce più grandi del Paese, con più di 90 isole. La vastità delle sue acque, la natura lussureggiante, la grande quantità di isole che emergono, le colline che lo circondano, fanno di questo lago uno dei più celebrati nell’arte e nella letteratura cinese e tappa obbligata per tutti i turisti.

Liyuan, Giardino Li, è un immenso parco che si stende presso il lago Taihu . I sentieri si snodano fra pittoresche colline, placidi ruscelli, ponti, padiglioni e torri. In primavera il rosa e il verde dei peschi in fiore e dei salici sul lungolago si fondono in una visione fantastica. Ci inoltriamo attraverso i padiglioni delle quattro stagioni, costruiti sulle quattro sponde di uno stagno, rispettando i punti cardinali, con piante e fiori che ricordano le diverse stagioni. La galleria coperta, lunga 300 metri e con un muro decorato da 89 finestre a forma di fiore, una diversa dall’altra. Nei classici cinesi è ricordata con il nome poetico di ” galleria dei mille passi con cento finestre a forma di fiore”. La scenografica disposizione delle rocce crea un paesaggio unico e suggestivo tanto da essere stato ricopiato fedelmente, molte volte, nella pittura classica. cinese. Se poi si sale sul punto più alto delle rocce, noto come II Picco delle nuvole che ritornano, si ha una panoramica completa del Liyuan che appare come un giardino da sogno.

Yuantouzhu , Isola a testa di tartaruga, è un dito di terra che si butta nel lago Taihu con una forma che ricorda la testa di una tartaruga, da cui il nome del parco. La collina che vi sorge è uno dei luoghi migliori per godere il tramonto sul lago. Imperdibili il ponte dell’eterna primavera, Chanchun Qiao, la Sala delle onde limpide, Chenglan Tang, il padiglione del Futuro Luminoso, Guangming Ting.

Wuxi è famosa anche per le statuine Huishan (dal nome della collina da dove viene estratta la creta nera con la quale vengono fatte). Nate sotto i Ming come iniziativa privata, sotto i Qing divennero espressione d’artigianato di alta classe, riproducendo soprattutto personaggi del teatro. Il loro stile tipico popolare, che non trova eguali nel paese, è caratterizzato da marcate accentuazioni, forti contrasti, vivacità dei colori e semplicità di forma.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress