Atmosfere di Amsterdam

Veduta di Amsterdam

Il fascino e l’atmosfera di Amsterdam sono dovuti soprattutto agli innumerevoli canali ordinati, ampi e ben tenuti che, nel corso dei secoli, hanno regolato il flusso dell’Amstel e dell’Ij formando un centinaio di piccole isole collegate da più di mille ponti. Per chi è in cerca di hotel, è bene annoverare fra i consigli per viaggiatori, l’alta qualità e l’ottimo prezzo degli alberghi ad Amsterdam. Fra i canali di Amsterdam si affacciano le ricche ed eleganti residenze borghesi – con facciate strette per ottimizzare lo spazio, ampie finestre e caratteristici frontoni – e gli ex fondachi trasformati in abitazioni. Altra simpatica presenza sulle sponde dei canali sono i particolari barconi tramutati in alloggi che a partire dagli anni Cinquanta, a causa della mancanza di spazi edificabili, ospitano numerose persone, soprattutto giovani.

Fra tutti i navigli, i più caratteristici sono quelli appartenenti all’antica cerchia di canali che abbraccia il nucleo storico della città da nord-ovest a sud-est. Tra essi il quattrocentesco Singelgracht – il più esterno, nato come canale commerciale – presso il quale ha oggi sede un noto mercato dei fiori e lungo le cui sponde si trovano ex magazzini e alcune case seicentesche degne di nota; il Prisengracht che accoglie case, chiese, caffè e depositi oltre ai cosiddetti ‘hofje’ – piccoli ma decorosi complessi abitativi costruiti nel Seicento, mantenuti dalle famiglie ricche e destinati ai meno abbienti – e alla Anne Frank Huis, l’abitazione in cui per anni si nascose la giovane ebrea autrice del commovente Diario; l’Herengracht – il ‘canale dei signori’ costruito a partire del 1585, su cui nobili, banchieri e mercanti posero la propria dimora – lungo il quale si affacciano splendidi edifici dotati di giardini tra i quali quelli che ospitano il Theatermuseum, dedicato alla storia dell’arte drammatica in Olanda, e il Bijbels Museum, dedicato alla Bibbia. Tutti i canali confluiscono poi nell’Amstel, il fiume che dà il nome alla città, attraversato dal seicentesco Magere Brug, il ponte più famoso di Amsterdam. Sono infine da segnalare il Nordzee Kanaal – aperto nel 1876, che collega la capitale con il Mare del Nord – e soprattutto l’impressionante Stelling van Amsterdam – la linea difensiva intorno alla città che tramite una serie di dighe, fossati e condotti sfruttava la forza dell’acqua a proprio vantaggio – iniziata nel Cinquecento e ampliata fino alla fine dell’Ottocento, che si estende per 135 chilometri attraverso la provincia di Utrecht e nell’Olanda Settentrionale, con centinaia di edifici e fortezze.

I turisti intelligenti che non si lasceranno condizionare dai cliché, dunque, si renderanno conto che Amsterdam, lontana dall’essere il ‘paradiso dei vizi’, è una città aperta, vivace, romantica e ospitale, oltre che uno dei luoghi più civili – nel senso più ampio del termine – al mondo.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress