America Centrale: Il Belize

Scoprire il Belize significa vivere il fascino senza tempo delle misteriose costruzioni Maya. Il Belize possiede il più alto grado di concentrazione di rovine di tutta l’America Centrale. Altun Ha, per esempio, poco lontano da Belize City, con le vestigia di 13 templi disseminate in due grandi piazze, è un’esperienza indimenticabile.

Qui fu trovata la grande testa di giada raffigurante il dio del sole maya, Kinich Anau, che oggi compare su tutte le banconote del Belize ed è diventato un simbolo nazionale. Altun Ha è stato il maggiore centro di cerimonie nel periodo classico (250-900 d.C.) e per anni ha rappresentato un centro di commerci tra le coste caraibiche e le località dell’interno.
Ogni sito archeologico ha una storia da raccontare e offre caratteristiche differenti: da Cahal Pech si gode una stupenda panoramica di San Ignacio e della valle del fiume Belize, mentre Caracol è la suprema città Maya, come ha dimostrato il recente ritrovamento, nel 1985, di un altare scolpito che documenta la vittoria su Tikal, a lungo considerata la metropoli per eccellenza dell’antica civiltà precolombiana. La piramide più alta, quella di Canaa, è la struttura più elevata costruita dall’uomo nel Paese. A Lubantun, detta anche il luogo delle pietre cadute, un museo raccoglie figurine, ceramiche e oggetti di artigianato ritrovati nella zona, indubbiamente un importante centro commerciale del passato. Tour guidati che consentono di raggiungere i siti archeologici vengono organizzati in loco, come pure escursioni in mezzo alla foresta tropicale ricca di fauna esotica o avventure in canoa sui fiumi. Il Belize, grazie ad un sapiente programma di protezione del governo che ha messo sotto tutela il 40% del territorio, è un paradiso ancora incontaminato che in grado di regalare sensazioni ed emozioni indimenticabili a chi apprezza le meraviglie della natura.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress