Agriturismo a Verona, viaggio alla scoperta delle tradizioni

Le grandi tradizioni della nostra penisola sono conosciute in tutto il mondo, con i turisti che arrivano dai luoghi più sperduti del pianeta con la voglia matta di viverle appieno. Uno dei luoghi in grado di affascinare chiunque lo visiti è sicuramente la città di Verona, conosciuta nel mondo come la città degli innamorati, con una lunga storia alle spalle che si può ritrovare ancora oggi nelle sue tradizioni, anche in quelle culinarie.

Sono molti i simboli della sua storia che la città di Verona presenta al turista, come ad esempio la Casa di Giulietta, un edificio ristrutturato risalente al XIII secolo, pervaso dall’aura romantica descritta da William Shakespeare nel suo racconto, che viene celebrato durante il corso dell’anno con spettacoli a teatro e rivisitazioni varie, come ad esempio succede in estate con alcune delle scene della storia d’amore tra i due giovani amanti che vengono messe in opera proprio nella loro ambientazione ideale, il cortile della casa unitamente al balcone della bella Giulietta.

Come tradizione vuole anche Piazza delle Erbe continua ad ospitare il mercato, e chiunque ci passi anche solo per un momento si rende conto di come le piazze di Verona siano il vero e proprio cuore che pulsa della città, con l’atmosfera di carattere medievale che viene amplificata dall’architettura dei palazzi che circondano il centro storico.

Chi vuole godere invece delle grandi tradizioni culinarie della città scaligera, ed allo stesso tempo non perdersi le bellezze del centro storico, può pensare di fare una vacanza all’agriturismo di Verona Cadelferro, che si trova a pochi chilometri dalla città, e che permette di gustare alcuni dei piatti tipici locali, unitamente ad alcuni dei vini provenienti dalle valli circostanti.

Alcune delle pietanze che si possono gustare in un tipico agriturismo veronese derivano direttamente dalla storia che accompagna la città nei secoli, come ad esempio la Patisada de Caval, una ricetta tipica che risale più o meno al 489, figlia delle conseguenze di una sanguinosa battaglia che vide il popolo affamato fare incetta della carne dei cavalli che giacevano morti al suolo, che fu conservata tagliata e fatta macerare nel vino con l’aggiunta di spezie e verdure. La ricetta della Patisada de Caval è ancora oggi tramandata tra le generazioni.

Anche il Bollito con la Pearà ha una lunga tradizione, infatti la salsa Pearà fu creata da un cuoco che faceva parte della corte della regina Rosmunda, che regnò nel nostro paese nel VI secolo, così come il Riso al Tastasal deve il suo nome al processo con cui viene preparato l’impasto che serve a realizzare il tipico salame locale.

Verona è una città dalle antiche tradizioni, ed i prezzi di un soggiorno in agriturismo sono l’ideale per chi vuole intraprendere un viaggio alla scoperta di una parte importante della storia del nostro paese.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress